E' emerso in questi giorni, confermato dall'ONU e documentato da una inchiesta della BBC, che nei mesi scorsi l'esercito congolese in ritirata sotto la pressione del gruppo M23 a  Minova, un mercato poco a sud di Goma, si è macchiato di un reato gravissimo: violenze sessuali di massa. Purtroppo succede di frequente che nell'Est del Congo si usino violenze sessuali come arma di guerra.
Ecco un altro buon motivo per operare a tutti i livelli e incessantemente per porre fine a questo micidiale e disumano conflitto che si trascina da troppi anni.