epidemia ebola nord kivu 2018 745x350E' la peggiore epidemia di Ebola nella storia del Paese, con 329 casi registrati e 205 morti ad oggi. Lo ha riferito il ministro della Salute, Oly Ilunga, sottolineando che "questo focolaio ha appena superato quello della prima epidemia registrata nella storia della R.D. Congo", scoppiata nel 1976, a Yambuku nella provincia nord-occidentale di Equateur, quando ci furono 318 casi. In quell'epidemia i morti furono 280, mentre nel 1995 ci furono altre 250 vittime (sempre nelle province nord-occidentali del Congo), lasciando questa, per ora, come la terza più letale.
L'insicurezza (nell'area ci sono diversi gruppi armati attivi), la densità della popolazione e la resistenza della comunità rendono più difficile il lavoro degli operatori umanitari.
La settimana scorsa, tre agenti della protezione civile e un epidemiologo sono stati brevemente presi in ostaggio da un gruppo di miliziani Mai-Mai nel villaggio di Matembo, tra le città di Beni e Butembo.
In una dichiarazione congiunta, il Dipartimento delle operazioni di mantenimento della pace dell'ONU e l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) denunciano che le squadre di soccorso incontrano forti resistenze da parte delle popolazione della aree colpite dall’epidemia, dove decenni di guerra hanno contribuito “alla diffusione di disinformazione e alimentato la sfiducia di alcune popolazioni locali che sono riluttanti a consentire alle équipe sanitarie di somministrazione i vaccini necessari a bloccare la diffusione della malattia e a seppellire dignitosamente le vittime in sicurezza”.