Secondo un recente articolo di BBC Africa (v. articoli BBC in lingua inglese e in lingua francese), l'Unione Europea nel periodo 2003 - 2011 ha finanziato la Repubblica Democratica del Congo per 1,9 miliardi di euro. Un recente audit sui risultati dell'intervento ha concluso che meno della metà dei programmi finanziati ha raggiunto, o probabilmente raggiungerà, una parte soddisfacente degli obiettivi previsti, criticando la strutturazione di questi aiuti orientati a sviluppare forme di "buon  governo" in Congo, e suggerendo di monitorare con più accuratezza tali programmi, per  non sprecare il sostegno dato. Frode e corruzione restano grandi problemi in Congo, e gli aiuti europei dovrebbero essere gestiti con più attenzione a questi aspetti. Il rapporto rileva anche una evidente anomalia nella ripartizione della spesa pubblica in Congo: nel 2011 le spese per Presidenza, Primo Ministro, Assemblea Nazionale e Senato hanno contato per l'11% delle spesa totale, e per il triplo dell'ammontare impegnato per il sistema sanitario.