Le vittime della nostra ricchezza: mostra fotografica Stefano Stranges - Padova 1-16 dic. 2016Dopo l'inaugurazione Torino, a Padova dal 1 al 16 dicembre una mostra fotografica itinerante, con foto di Stefano Stranges. Racconta la sofferenza che accompagna il lavoro disumano dell’estrazione dalle miniere del Congo delle materie prime più pregiate che formano i nostri cellulari, smartphone e computer.Parliamo di coltan, oggetto di una lunga catena commerciale che implica pesanti conseguenze sui diritti umani e suul'ambiente, con conseguenze catastrofiche nei confronti della popolazione. La mancanza di alternative per sopravvivere e lo scarsissimo livello di scolarizzazione la costringe ad accettare condizioni di estremo sfruttamento , con bassissimi livelli di sicurezza, in un contesto di famiglie spezzate e prive di qualsiasi mezzo di sopravvivenza dopo la morte dei propri cari in miniera.
Il progetto fotografico di Stefano Stranges parte da questa zona del mondo e, passando dalla produzione dell’oggetto (sud est asiatico), finisce nelle immense discariche africane. Le foto presentate in mostra sono parte del risultato della prima tappa e, attraverso un raffinato bianco e nero, restituiscono la drammaticità di queste "vite vendute".
La mostra è proposta da Incontro fra i Popoli ONG onlus di Cittadella (PD).
“La potenza espressiva delle foto – afferma il prof. Leopoldo Rebellato, presidente di Incontro fra i Popoli – immette emotivamente ed empaticamente lo spettatore nella vita quotidiana delle persone che estraggono il coltan nel Nord Kivu in Congo RD. Nessun diritto umano garantito! Per questo noi parliamo di ‘cellulari insanguinati’. La connivenza dei nostri governi, di noi dei paesi che si arricchiscono e vivono su queste privazioni, rende ciascuno di noi responsabile, seppur non colpevole. Vedendo queste foto, non si può che essere portati a solidarizzare con quella gente e ad attivarsi con scelte di solidarietà che modificano il nostro quieto vivere”.
La mostra, esposta presso l'ex Fornace Carotta in via Siracusa, 61 a Padova, sarà inaugurata l'1 dicembre 2016 alle 18.30 e sarà visitabile fino al 16 dicembre.
L’esposizione sarà visitabile nei seguenti orari:
tutti i giorni h. 8-13 e 16-18.30
sabato e festivi h. 9-13 e 15.30-18